PARRE – Viaggio tra i commercianti: “Noi da 10 anni coi pannelli solari”. Kosmark: “20.000 euro di bolletta della luce”. “Resistiamo e speriamo in tempi migliori”

483

PARREViaggio tra i commercianti: “Noi da 10 anni coi pannelli solari”. Kosmark: “20.000 euro di bolletta della luce”. “Resistiamo e speriamo in tempi migliori”

“La scelta giusta per contrastare l’aumento del costo dell’energia noi l’abbiamo fatta dieci anni fa, quando ci siamo dotati di pannelli solari, forti anche del consiglio e della competenza  di nostro fratello Giacomo che lavora in quel settore e che riuscì a convincere mio padre  Sandro, piuttosto restìo, a fare questo passo. Allora il problema dell’approvvigionamento energetico non era così drammatico come oggi, ma ora ci rendiamo conto che si è trattato di una scelta giusta e in qualche modo profetica. Così possiamo anche guardare con più fiducia al futuro del nostro negozio, sperando che la sua tradizione ormai secolare possa proseguire senza troppi problemi, anche a favore della nostra affezionata clientela”.

Così Paola del negozio di Alimentari e Tabacchi Scainelli in via Fontana,  nel centro del paese, cui anni fa è stato conferito il titolo di negozio storico. Anche Silvia, che vende frutta, verdura e abbigliamento nella bottega proprio  a fianco, non è completamente pessimista:

 “Non ci illudiamo certo di uscire indenni da questa crisi, i rincari  li abbiamo avuti e li avremo anche noi. Però per il nostro negozio non dobbiamo pensare al riscaldamento, che non c’è, trattandosi di un vecchio edificio e di un genere come la verdura e la frutta che non ne hanno una grande necessità, anche se i frigoriferi devono funzionare anche qui…Però per ora non possiamo lamentarci più di tanto, speriamo che la nostra clientela continui a sostenerci come ha sempre fatto, e che prima o poi questa crisi si riesca a superarla”.

Più pesante, a detta di Giovanna Cossali, la situazione del grande supermercato Kosmark in via Costa Ėrta:

“Tanto per fare un esempio, la nostra bolletta della luce in tre mesi si è triplicata, ben 20.000 euro, ed è un aumento che ovviamente va a pesare poi sugli scaffali, cioè sui prezzi al consumo della gente che viene a far la spesa da noi…

SUL NUMERO DI ARABERARA IN EDICOLA DAL 4 NOVEMBRE

pubblicità