Costa Volpino Operazione Pizzo, 80.000 mq di zona artigianale. L’amministrazione: “Nuovi posti di lavoro ed espansione di aziende. Chi ci ha preceduto ha sventrato la Santa Martina e costruito un asilo in mezzo alla palude”

118

pubblicità

Operazione Pizzo. Che sembra il nome di chissà che fiction e invece sono gli 80.000 metri quadri che riguardano la località di Costa Volpino, nella zona del Piano, inserita nel Piano di Governo del Territorio che dovrebbero diventare zona artigianale. 80.000 metri quadri che hanno mandato su tutte le furie la Lega Nord e le altre opposizioni: “Spreco di territorio e distruzione di zone ambientali” hanno tuonato.

L’amministrazione comunale non ci sta: “Se le minoranze fossero venute alla riunione dei capigruppo – spiega Andrea Bonadei, assessore all’Economia Locale – o all’approvazione del PGT in consiglio comunale forse si sarebbero informate meglio. La Lega prima ci attacca dicendo che non dobbiamo fare gli aguzzini e che bisogna dare una mano agli imprenditori, che bisogna dare la possibilità a loro di investire e di dare occupazione e nuovi posti di lavoro, poi quando facciamo proprio questo si straccia le vesti. Dimenticando che questa operazione era partita proprio da loro anni fa, quando erano in maggioranza…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 13 FEBBRAIO

pubblicità