COSTA VOLPINO – SCHILPARIO – Maurizio & Valentino e la Pasticceria Bertoli: “Le colombe al pistacchio, al cioccolato e quelle… vegane. Sono stato in Nepal e quei bambini mi sono rimasti nel cuore, ogni mese raccogliamo fondi da spedire”

235

Venerdì sera, la giornata di lavoro è finita, fuori è già buio, ma la luce brilla negli occhi di Maurizio. Costa Volpino, Pasticceria Bertoli, il profumo di dolci inonda il locale, così come la passione che traspare dalle parole di Maurizio, 32 anni, e di papà Valentino. La Pasqua si avvicina e questo è un momento frenetico, perché la produzione delle colombe (e qui ce n’è davvero per tutti i gusti) è protagonista indiscussa delle loro giornate. Riavvolgiamo il nastro, torniamo all’inizio dell’avventura: “Papà ha aperto la pasticceria nel 1989 e io posso dire di esserci nato visto che quando avevo tre giorni mia mamma è tornata al lavoro – sorride – e lo stesso è stato per mia sorella e mio fratello, che però lavora in un altro settore. Siamo cresciuti qui, venivamo dopo la scuola e per me e mia sorella è stato naturale scegliere di seguire le orme dei nostri genitori. Li ho sempre visti lavorare, di giorno e di notte, è una vita di sacrifici ma erano sempre sorridenti e soddisfatti… nonostante fosse un lavoro duro, erano felici e quindi ho deciso che quella era la strada da seguire. Nel 2009 abbiamo aperto una pasticceria anche a Schilpario, dove oggi ci sono mamma Vilma e mia sorella Federica, che ha 21 anni… con il nostro arrivo abbiamo rinnovato anche il locale di Costa Volpino”.

Perché siete approdati in Val di Scalve? “Siamo originari di Angolo Terme e volevamo aprire una pasticceria in Valle Camonica, poi un giorno ci siamo trovati a Schilpario e abbiamo visto questo locale, che aveva ospitato una galleria d’arte. Ci è piaciuto tanto da pensare subito che fosse il luogo perfetto per noi. L’abbiamo sistemato e ora ci sono 60 posti più il laboratorio di produzione, mentre d’estate il Comune ci lascia il parterre esterno con vista Pizzo Camino, una meraviglia”.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 22 MARZO

pubblicità