TORRE BOLDONE Apre le porte agli immigrati e le chiude ai disabili? L’assessore “bacchetta” l’ente religioso

L’assessore ai Servizi Sociali di Torre Boldone, Vanessa Bonaiti, non le manda a dire e sulla sua pagina Facebook ha lanciato un messaggio che ha destato un certo clamore tra i cittadini, tirando in ballo un ente religioso. In ballo c’è un appartamento che finora l’ente ha messo a disposizione di ragazzi con disabilità ma che, dopo il distrofront dello stesso ente religioso, potrebbe essere destinato ad extracomunitari.

Ho avuto la conferma di un fatto che, secondo me, deve far riflettere. Un ente religioso del territorio ha messo per anni un proprio appartamento a disposizione del Comune per un progetto importante che si occupa di ragazzi con differenti problemi di disabilità. Un gesto molto bello che ha permesso ai nostri amici sul territorio di provare l’esperienza di un diurno in cui, non solo vivevano per qualche ora in un contesto di ‘piacevole normalità’, ma che aveva un risvolto socio educativo importante in una prospettiva di formazione all’autonomia. Elemento essenziale anche per il cosiddetto problema del ‘dopo di noi’, ossia del venir meno delle famiglie d’origine a supporto e utile ad evitare il più possibile l’istituzionalizzazione futura (non positiva per loro e molto costosa per la comunità tutta…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 30 AGOSTO