TORRE BOLDONE – Macario, Farnedi, Albergoni, Grazioli: i ‘magnifici quattro’ che si contendono Torre

130

La contesa elettorale per la conquista del Municipio di Torre Boldone avrà quattro protagonisti. Sembra infatti ormai esclusa (salvo sorprese dell’ultima ora) la discesa in campo di un quinto candidato. I ‘magnifici quattro’ che si presenteranno al giudizio degli elettori sono perciò Luca Macario, Simonetta Farnedi, Marta Albergoni e Alex Grazioli. Per tre di loro la candidatura a sindaco non rappresenta una novità: Macario e Farnedi si erano infatti già presentati nel 2019, mentre Albergoni si era candidata nel 2014. Per Grazioli si tratta invece della prima volta.

Il primo cittadino uscente guida ancora la lista ‘Insieme per Torre’ che ha ‘ereditato’ dal precedente sindaco Claudio Sessa (vicesindaco nel primo mandato di Macario), che non si ricandida. Nel logo sono presenti i simboli dei tre partiti di centrodestra (Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia), che hanno ufficialmente sostenuto la sua ricandidatura. Uno di questi tre partiti, il ‘Carroccio’, cinque anni fa si era schierato contro di lui, sostenendo la lista ‘Lega – Torre Ideale’ che appoggiava la candidatura di Simonetta Farnedi, già vicesindaca di Sessa e in rotta di collisione con il gruppo di maggioranza. Alla fine, però, molti dei militanti leghisti avevano ‘disobbedito’ votando per Macario. L’appoggio palese dei tre partiti può da un lato favorire l’attuale sindaco, che punta a ottenere i voti degli elettori di centrodestra (che a Torre Boldone sono la maggioranza della popolazione), ma ha però avuto un effetto indesiderato.

Il suo assessore alla Gentilezza, Alex Grazioli, ha infatti deciso di scendere in campo pochi giorni dopo l’annuncio ufficiale dell’appoggio politico alla lista di Macario.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 5 APRILE

pubblicità