GROMO – Il personaggio dell’anno – Paolo, infermiere, che si è ammalato in ospedale: “Quando la Tua Martina mi scriveva che avevi la febbre”

Giampaolo Pasini, nato a Gromo il 21/10/1963 e qui risiede con la sua famiglia (la moglie Rosanna e le figlie Giulia e Martina).

Giampaolo, da molti chiamato anche Paolo, è un infermiere che, come puoi leggere dalla lettera a mia firma di seguito riportata, si è ammalato lavorando in ospedale (quindi mentre era impegnato a salvare le vite altrui).

La sua malattia è iniziata a marzo, egli è stato a lungo in ospedale in condizioni critiche e il 12.06.2020 ha finalmente fatto ritorno a casa. Giampaolo è una persona benvoluta a Gromo e da sempre impegnata in paese (AVIS – gruppo Alpini – compagnia teatrale Arcobaleno)

Paolo è tuttora impegnato nel recupero e si sta sottoponendo ad esami dai quali emerge un continuo miglioramento.

 

 

Gromo, 12 giugno 2020

Carissimo Paolo,

era l’11 marzo quando la Tua Martina mi comunicava di non poter far parte dei volontari che consegnavano la spesa perché “papà da ieri sera ha febbre” e, qualche giorno dopo, mi diceva che eri stato “intubato”.

Capivo che era iniziata una estenuante battaglia tra Te e il famigerato nemico invisibile in cui un giorno sembravi avere la meglio Tu e il giorno successivo tornava a imporsi lui.

L’esito di questa dura lotta lo festeggiamo oggi con il Tuo rientro a Gromo, tra le tue adorate montagne.

Non avrebbe potuto e dovuto essere diversamente: questo virus ha giocato sporco colpendo Te, uno di quegli angeli vestiti di azzurro e impegnati a salvare vite, che a un certo punto Ti sei visto tagliare le ali. Ma non servono ali per volare perché “vola solo chi osa farlo” e Tu hai saputo essere forte, combattivo e coraggioso.

Oggi, con questo ritorno, il nostro paese si riprende una bella persona come Te:

  • capace di donare, come testimonia questa vicenda, che è l’esempio di chi ha messo a rischio la propria vita per salvare quella degli altri, e come dimostra da tempo il Tuo impegno nell’AVIS ;
  • colmo di valori, di cui hai dato prova anche attraverso la Tua appartenenza al Gruppo Alpini;
  • in grado di farci ridere, come hai fatto durante i teatri della Compagnia Arcobaleno, e sorridere, come accade stamattina…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 18 DICEMBRE