ALBINO – L’ASSESSORE – Zanga: “Le minoranze? Come le tre scimmie: non vedono, non sentono e non parlano… o parlano a vanvera”

206

L’attacco dei gruppi di minoranza sulla questione Tari ha portato alla reazione dell’assessore chiamato in causa, il combattivo Davide Zanga che, come sempre, non le manda a dire.

Sono esterrefatto da cotanta ignoranza, perché non è possibile parlare di menefreghismo nei nostri confronti. Anche sul tema della Tari io ho ascoltato decine di cittadini, di imprenditori e di commercianti che hanno chiesto l’applicazione di quanto previsto dal nuovo regolamento stabilito secondo le direttive di Arera, ovvero che, ad esempio, le aziende possono anche richiedere il totale esonero, sulle aree produttive, della loro tassa rifiuti. Stanno quindi arrivando richieste e sto dando risposte puntuali a tutti quanti me lo richiedono. Al di là di quello che può fare un assessore – sottolinea Zanga – quasi quasi sto facendo il calcolo della Tari corretta… e questo è un ruolo tecnico, mentre quello dell’assessore è un ruolo politico. Sto quindi rispondendo a tutti quelli che mi chiamano per la questione Tari. La minoranza a me non ha assolutamente fatto nessuna richiesta di alcun tipo; loro sono in malafede anche stavolta perché mandano comunicati alla stampa senza aver chiesto spiegazioni o delucidazioni né a me né tantomeno al sindaco. Dicevo che sono esterrefatto da cotanta ignoranza perché la tassa rifiuti è come l’Irpef: sono tasse che vengono stabilite in acconto sulla base di un consuntivo dell’anno pregresso. Poi, però, il saldo effettivo e il conguaglio viene fatto l’anno dopo ancora. Si vede che non hanno mai fatto la dichiarazione dei redditi questi consiglieri, veramente faccio fatica a capire cosa vorrebbero trovare nell’F24… Sono come le tre scimmiette….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 23 SETTEMBRE

pubblicità