ROVETTA, CERETE – LA STORIA – Iacopo e Sara, due cuori per la corsa e uno studio per sognare insieme

949

Iacopo e Sara. Due cuori per la corsa. Due giovani uniti dalla passione e ora anche dal lavoro. Iacopo Brasi ha 27 anni e viene da Rovetta, Sara Gosio, la sua fidanzata, di anni ne ha 25 e viene da Cerete. Lui ha studiato Scienze dello sport e della prestazione fisica, lei Scienze dell’Alimentazione e Nutrizione umana. Da poco più di un anno Iacopo ha aperto uno studio dedicato alla prestazione sportiva, Home of championship, con cui ha dato forma ai suoi sogni. E da qualche settimana anche Sara ha iniziato a lavorare con lui. E adesso insieme Sara e Iacopo impastano sogni e progetti a ritmo di corsa.

Partiamo da quando Iacopo ha iniziato questa avventura. “L’idea ce l’avevo da un po’, era nata durante la quarantena, nei mesi di marzo e aprile del 2020 – inizia a raccontare, con la voce ancora segnata da un pizzico di emozione -. Sono quelle idee che hai in testa da tanto tempo, poi prendono forma quando c’è la possibilità e il tempo di pensarci bene”.

A settembre dello scorso anno lo studio ha aperto i battenti. Iacopo non prepara solo tabelle per gli allenamenti: da lui è possibile effettuare test per avere una misurazione scientifica dei propri livelli.

Lei in triennale ha studiato Biologia, era indecisa su cosa fare in magistrale, io le ho consigliato di studiare Nutrizione”.

Ero indecisa tra l’ambito della ricerca e quello della nutrizione – interviene Sara -. C’era già come idea, poi lui mi ha detto che avremmo potuto lavorare insieme: è stata una scelta ponderata”.

Il traguardo della laurea è arrivato l’anno scorso a dicembre, a giugno l’abilitazione come Biologa, e ora Sara sta completando un master dedicato alla Nutrizione sportiva. “Ho voluto fare anche questo corso per dare maggiore completezza alla mia preparazione: non è obbligatorio, ma ti dà qualcosa in più perché l’Università non ti dà tutto”.

E intanto ha cominciato a lavorare qui con Iacopo. “Lo studio è piccolo, ma entrambi lavoriamo molto anche a distanza, sia per i programmi di allenamento sia per i programmi nutrizionali. Diciamo che qui c’è tempo e spazio per tutti, anche per altre figure: io ho pensato di inserire innanzitutto lei, come nutrizionista, che penso sia la parte più importante da collegare alla corsa. Ci piacerebbe proporre dei pacchetti in cui uno inizia insieme la preparazione e la nutrizione. Poi ho inserito anche altre due figure, fisioterapista e massofisioterapista, con cui abbiamo una collaborazione su chiamata, per dare un servizio extra”.

Tanti progetti già partiti. E altrettanti che stanno ancora nel cassetto dei sogni e sono pronti a sbocciare. “Mi piacerebbe inserire anche uno psicologo dello sport, penso sia un’altra parte importante per chi comincia a correre, anche se ad oggi viene ancora considerata spessa come superflua”, spiega Iacopo. “È chiaro che il posto qui è piccolo, ma anche io sto sistemando qualche spazio in casa mia, a Cerete, se servirà altro vedremo – aggiunge Sara -. Qui lavoro solo per i miei clienti sportivi: per la signora che vuole solo dimagrire, per esempio, questo non è il posto adatto”. E così anche per la parte di fisioterapia. “L’idea è di fare solo un massaggio sportivo: vorrei offrire un pacchetto base completo per una persona che sta bene: test, programma, dieta e massaggio mensile di scarico, senza la parte medica, che lascio ad altri”.

 

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 3 DICEMBRE

pubblicità