DARFO – Colossi e il suo ‘Progetto VERO per Darfo Boario Terme’: “La città deve ritrovare l’orgoglio perduto”

602

Dario Colossi è pronto. La sua squadra, pure.

Un progetto VERO per Darfo Boario Terme”, il nome della sua lista. Partiamo dalla candidatura a sindaco: “Vivo e lavoro da molti anni in questa città e assisto alla sua inesorabile decadenza. Ritengo sia necessario ed indispensabile un nuovo slancio, un cambiamento.

Darfo Boario Terme ha bisogno di ritrovare l’orgoglio perduto e diventare protagonista, prima di tutto, di una rinascita al suo interno e quindi nel comprensorio. È una città che tutti ricordiamo essere stata il Centro economico e turistico dell’intera ValleCamonica, dinamica e propulsiva. Deve tornare ad essere il motore per la bassa Valle, divenuta ormai un’unica città diffusa con dinamiche e problematiche comuni in ambito economico, sociale, formativo, legate alla mobilità e ai servizi, all’interno di un progetto ambizioso, ma concreto, che non si limita alla città, ma allarga la prospettiva anche agli altri Comuni contigui, dentro una logica di sistema. Se vogliamo rinascere dobbiamo remare tutti nella stessa direzione ed in forma coordinata, insieme”.

Alle spalle un’esperienza da sindaco di Rogno per dieci anni: “Con un gruppo di ragazzi fantastici e uno staff di funzionari che ha condiviso la nostra filosofia di un Ente al servizio dei cittadini, in quei dieci anni appassionanti ed appassionati, siamo riusciti a trasformare un paese industriale e dormitorio, in un “luogo” di relazioni, socialità e nel quale le persone non solo dormono, ma vivono e spendono anche il loro tempo libero grazie ad una scelta forte legata alle attività all’aperto. Un paese nel quale la qualità di vita si è alzata, dove ci sono infrastrutture e tutti i servizi primari, con una macchina amministrativa efficiente ed efficace. Darfo Boario Terme, con un cuore turistico e i suoi borghi, ha grosse potenzialità inespresse, un Brand riconosciuto da rilanciare e un foglio sul quale costruire una nuova identità, beneficiando delle importanti risorse economiche che giungeranno ai Comuni nei prossimi anni per investire sapientemente in un progetto coordinato, che si traduca in azioni concrete, senza sprecare ne un minuto tantomeno un euro. Da cittadino ritengo che non ci sia tempo da perdere.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 4 FEBBRAIO

pubblicità