CLUSONE – Il caso ASILO: braccio di ferro per i lavori “Se si va in tribunale slitta di anni”

75

pubblicità

Si fa lo stesso. No, c’è il pericolo di un ricorso al Tribunale civile. No, il Rup (Responsabile unico del procedimento) Claudio Giudici ha dato l’ok, ci si avvale… dell’avvalimento. Cos’è? “L’avvalimento consiste nella possibilità, riconosciuta a qualunque operatore economico, singolo o in raggruppamento, di soddisfare la richiesta relativa al possesso dei requisiti necessari per partecipare ad una procedura di gara, facendo affidamento sulle capacità di altri soggetti e ciò indipendentemente dai legami sussistenti con questi ultimi”.

Arabo. Traduzione, se non hai i requisiti puoi “avvalerti” di un’altra ditta che li ha. In questo caso sarebbe la Cobet che ha sede a Ponte Formello di Vilminore e ha una trentina di operai e ha la famosa SOA per un importo fino a 4 milioni. Il titolare è Costantino Bettoni, originario di Azzone, residente a Colere. “Col cavolo, l’avvalimento vale solo se hai la SOA per importi inferiori al bando di gara. Ma la R.B. di Balduzzi non ha la SOA, nemmeno per importi inferiori ai 2 milioni e mezzo. Quindi non può avvalersi di nessun altro”. “Sono state fatte pressioni sulla Cobet perché si ritirasse”. “Falso, mai fatte pressioni su nessuno, per noi vale il parere del RUP che dà il via libera”. “E’ una forzatura arrogante, sono soldi pubblici e le regole vanno rispettate”. E qui si apre il contenzioso anche sull’affidamento diretto del progetto a un tecnico, senza bando di gara. (…)

SU ARABERARA IN EDICOLA PAG. 12

pubblicità