CERETE – L’acquedotto della ‘piccola’ Cerete alimenta 43 Comuni!

234

L’emergenza idrica si fa sentire un po’ ovunque. E da Cerete parte un acquedotto che alimenta 43 Comune tra Val Cavallina, Val Calepio, Alto Sebino e Borlezza.

Il Progetto Generale di Massima dell’Acquedotto dei Laghi, conosciuto anche come “Opere di presa, di adduzione, di distribuzione e recupero ambientale del Lago di Endine” risale al 1988 ed entro il 2016 avrebbe dovuto servire una popolazione di 138.000 abitanti; comprendeva la costruzione di circa 83 chilometri di condotte del diametro da 700 a 100 millimetri per un costo di 35.200.000.000 di lire; i lavori furono portati a termine nel 1999.

Ma come sta andando in questo periodo di siccità? “Sul fronte dell’emergenza direi che stiamo cercando, come tutti del resto, di limitare i consumi con i mezzi a disposizione – spiega il sindaco Cinzia Locatelli -, quindi sensibilizzazione della popolazione e ordinanza sindacale emessa subito dopo il decreto di Regione (è assolutamente vietato il prelievo e il consumo di acqua potabile per l’irrigazione ed annaffiatura di giardini e prati, il lavaggio di aree cortilizie e piazzali, il lavaggio di veicoli privati, ad esclusione di quello svolto dagli autolavaggi, il riempimento di fontane ornamentali, vasche da giardino, piscine private, anche se dotate di impianto di ricircolo dell’acqua e tutti gli usi diversi da quello alimentare, domestico ed igienico, ndr)….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 5 AGOSTO

pubblicità