CASTIONE – Valentina, 32 anni, e il suo sogno che è diventato realtà: aprire un micronido nell’ex asilo di Dorga

Da qualche mese l’asilo di Dorga ha ripreso vita. Dopo la chiusura della scuola dell’infanzia parrocchiale nel 2015, la struttura è rimasta per qualche anno inutilizzata, ma dal 2020 è tornata ad ospitare dei bambini, diventando la sede del micronido Coccodè. Un’iniziativa che Valentina Ballarini, giovane di Castione della Presolana, ha sognato e realizzato. E che ora sta facendo crescere con il lavoro e la passione di ogni giorno.

“Ho sempre voluto fare questo lavoro ma non ne ho mai avuto l’occasione – inizia a raccontare Valentina con un sorriso spalancato sul volto -, avevo mandato il curriculum a mille asili nido ma mai non sono mai stata chiamata. Avevo così cominciato a lavorare come assistente educatrice a scuola e anche nel Servizio Territoriale Autismo di Clusone”.

Ma il pensiero dell’asilo nido è sempre rimasto lì. E Valentina l’ha trasformato in un’idea concreta quando è diventata mamma. “Nel 2019 è nata la mia bimba, dopo la maternità ho cominciato a pensare che sarei dovuta rientrare al lavoro, ma l’avrei dovuta lasciare. Non sapevo bene come incastrare gli orari, sarei stata via tutto il giorno, così ho deciso di licenziarmi da entrambi i posti di lavoro. A settembre dello scorso anno, mentre tornavamo dal mare, dico a mio marito: chissà se il don affitta gli spazi dell’asilo di Dorga? Potrei quasi aprire un asilo nido…. Lui mi dice: Vai, prova. Mi ha sempre detto di farlo, di non aspettare”. Il supporto ricevuto in famiglia è stato una scintilla decisiva. “Una grande spinta me l’ha data lui, avere un appoggio è fondamentale. Don Stefano ci ha dato gli spazi e così mi sono detta: proviamo. Sapevo che se non mi fossi buttata adesso, non l’avrei più fatto”.

La struttura, che già era pensata come asilo, non necessitava di molti lavori. “Non c’era molto da fare e io ho la fortuna di avere una famiglia di artigiani: dai mobili all’imbiancatura abbiamo fatto tutto velocemente. Sono partita insieme ad un’altra ragazza, Lodovica, che ho conosciuto proprio nell’occasione di lavorare insieme. Non ci conoscevamo prima eppure ci stiamo trovando benissimo insieme, come se lavorassimo insieme da una vita. Il pomeriggio mi aiuta anche Marzia, che si occupa anche delle pulizie”….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 21 MAGGIO