VERTOVA – Il medico Antonio Loda si racconta, riceverà l’onorificenza di ‘Cavaliere al Merito della Repubblica’: “Essere medico significa non tirarsi mai indietro, anche se è rischioso”

Tra gli insigniti dell’ordine di  Cavaliere al Merito della Repubblica durante la cerimonia del 2 giugno, festa della Repubblica, in prefettura a Bergamo ci sarà anche lui, Antonio Loda, classe 1950, medico di famiglia che prima del pensionamento ha svolto la sua professione tra Vertova, Fiorano al Serio, Gazzaniga, Cene e Colzate, ed è stato Direttore Sanitario della Fondazione Cardinal Gusmini di Vertova dal 1980 al 1985 nonché membro del consiglio di amministrazione della stessa per 12 anni.

“Sono andato in pensione nel 2014, ma ho svolto la mia professione di medico anche dopo, in altri modi, innanzitutto facendo conoscere bene i miei pazienti al collega che ha preso il mio posto in Medicina Generale, poi sostituendo i medici durante le ferie estive alla RSA ‘Cardinal Gusmini’. Infine, proprio quando mi ero messo definitivamente a riposo, ecco arrivare dalla Fondazione stessa, nei primi giorni di marzo del 2020, il grido d’aiuto del Direttore Sanitario, la Dottoressa Melania Cappuccio. Il Covid 19 le era arrivato addosso come uno tsunami. Dei cinque medici in servizio quattro erano a casa con la febbre, lei stessa era malata, così come parecchie persone del personale sanitario e sociosanitario e quindi la situazione era davvero drammatica”…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 21 MAGGIO