Castelli Calepio: Benini sindaco di destra: “In un anno cittadinanza a 35 stranieri. Senza di loro molte aziende chiuderebbero”.

70

 

Giovanni Benini. Sindaco di Castelli Calepio. Uomo di destra. Che non l’ha mai smentito. Anzi, semmai l’ha sbandierato come un vanto. Di quelli da andarne orgogliosi. Sempre e comunque.

Qualsiasi cosa succeda. Che sotto la camicia porta una medaglia nella catenina con l’effige di Mussolini ‘Me l’ha regalata donna Rachele anni fa’, la tiene rigorosamente sotto la camicia: “Che se la vedono mi danno del fascista”. E con Benini succede quello che non ti aspetti. E cioè che in un anno da sindaco ha dato la cittadinanza a 35 cittadini stranieri, un record per la zona. E nei giorni scorsi Benini insieme ad altri sindaci della zona ha incontrato il Prefetto, si è parlato naturalmente anche di immigrazione e chi si aspettava (cioè tutti) che Benini (sindaco di una lista di centro destra e Lega) se la prendesse con immigrati e profughi si è sbagliato di grosso: “L’ho detto anche al Prefetto noi a Castelli di problemi non ne abbiamo, anche gli italiani litigano fra loro ogni tanto, non solo gli extracomunitari, anzi, quelli che vivono qui da noi lavorano tutti, e grazie a loro le aziende sono aperte e funzionano, se dovessero andarsene le aziende chiudono in poco tempo. Troppo comodo generalizzare, io qui di delinquenti non ne vedo, ho dato la cittadinanza a 35 persone, tutte lavorano e tutte parlano italiano. Perché dovrei lamentarmi se non c’è niente di cui lamentarsi?”. (…)

SU ARABERARA IN EDICOLA PAG. 36

pubblicità