SONGAVAZZO – Centro prelievi, nuovi parcheggi e un intervento sulla viabilità tra le novità in arrivo

In via Combattenti arrivano i nuovi parcheggi

A Songavazzo ciò che negli ultimi mesi dello scorso anno era considerato “in progetto”, oggi sta diventando realtà. La prima novità annunciata dal primo cittadino Giuliano Covelli riguarda l’apertura del nuovo centro prelievi, che gli utenti potranno utilizzare senza dover far riferimento all’Ospedale di Piario… “Questo è uno dei servizi che la nostra amministrazione intende promuovere, poichè quello dei prelievi ematochimici sul territorio del Comune riduce fortemente il disagio, in particolare per le persone anziane o portatrici di handicap, di doversi recare nella struttura di Piario; inoltre il Comune intende offrire questo servizio non solo per i residenti, ma anche per i turisti che durante i periodi estivi ed invernali vi soggiornano, senza escludere i residenti dei paesi limitrofi. Per questo stiamo completando i lavori di messa in ordine del locale, che si trova a fianco della sala consiliare, e pensiamo di dare inizio al servizio prelievi entro quest’estate. Possiamo contare sul prezioso aiuto della Farmacia Salvetti, che è sempre collaborativa e si occuperà, tra le altre cose, di consegnare gli esiti agli interessati”, ha spiegato Giuliano Covelli.

Il progetto “Distretto amico delle famiglie” approda anche a Songavazzo con il primo parcheggio dedicato, in parte, alle famiglie. In via Combattenti infatti sono stati realizzati nuovi parcheggi: “Ci saranno una decina di nuovi posti auto, in sostituzione di un parco scarsamente utilizzato, di cui uno per le persone disabili e uno delimitato da strisce verdi, dedicato proprio alle famiglie. Quello del “Family friendly” è un progetto in cui crediamo molto e in quest’ottica faremo tutto il possibile per andare incontro alle esigenze delle famiglie. Abbiamo inoltre scelto questo luogo perché è strategico… Si trova in centro al paese, da lì si possono facilmente raggiungere il parco giochi, la posta, il municipio, la banca…”.

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO SU ARABERARA IN EDICOLA DAL 23 FEBBRAIO