SCHILPARIO – MEMORIA – Michela, la sua Schilpario, mamma, papà, Luca e il suo infinito mondo di sorrisi

Quella mattina di febbraio Schilpario si è alzata con una notizia che ha gelato ogni cuore, di quelle che nessuno avrebbe voluto ricevere. Mai. Michela Giudici se n’era andata per sempre, in silenzio, a 28 anni, quando ci sono ancora troppi sogni chiusi nel cassetto, quando i progetti sono pronti per diventare realtà, quando è tempo di colorare la vita dei colori più belli. Michela se l’è portata via una malattia che ha provato a combattere con tutte le sue forze. Michela era una ragazza solare, dolce, simpatica, creativa, ben voluta da tutti. I suoi occhi azzurri sapevano trasmettere tutto quell’amore che ha portato con sé fino all’ultimo istante, quello che continuerà a splendere nei ricordi di tutti coloro che l’hanno conosciuta. Michela era tenace e determinata, era riuscita a trasformare la sua passione per i fiori in un lavoro, quando tre anni fa aveva rilevato il suo amato ‘Petali e Pensieri’, uno scrigno dove racchiudere gli obiettivi per il futuro. Michela era molto legata al volontariato, in particolare all’Oratorio, dove tornava ogni volta, e alla sua famiglia, la mamma Emma, che seguiva le sue orme in negozio e le dava la forza per guardare avanti sempre con il sorriso, papà Gianroberto e il fratello Luca…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 5 MARZO