predore naecc pace

Si apre uno spiraglio di pace tra i due gruppi di Naecc a Predore, quello della Polisportiva comunale e quello dell’ASD Amici del Naet, gruppo storico 2003. Nei giorni scorsi il sindaco Paolo Bertazzoli ha fato da garante per un incontro tra i due contendenti che da tempo battagliano in paese e sulla rete, una lunga rivalità che ora sembra trovare finalmente una soluzione. Il sindaco Bertazzoli ha promosso infatti una riunione tra Emanuele Ghirardelli degli Amici dei Naet e Tarenzio Ghirardelli, presidente della Polisportiva. Dopo insulti via web, mancati incontri, incomprensioni, ora sembra esserci un accordo per arrivare, se non ad una fusione, ad un accordo tra le due società con gli Amici del Naet che entreranno nella Polisportiva, pur mantenendo una propria autonomia. “Ci siamo finalmente incontrati – spiega Emanuele Ghirardelli – ed abbiamo trovato un inizio di intesa per arrivare ad una collaborazione e lasciare da parte anni di lotte e incomprensioni. Quest’anno ognuno farà il campionato al quale è iscritto, a settembre o forse prima ci ritroveremo nuovamente per definire la collaborazione definitiva. Noi entreremo nella Polisportiva ma manterremo una nostra autonomia, non scioglieremo la nostra associazione”. Ed Emanuele Ghirardelli è pronto già da ora a lasciar perdere ogni tipo di polemica. “Io sono disposto a collaborare sin da subito con la Polisportiva e l’ho detto alla riunione, sono disposto a mettere a disposizione la mia imbarcazione, ad allenare i giovani della Polisportiva e a mettere da parte ogni polemica passata. L’importante è che dall’altra parte ci sia la stessa volontà di collaborare e non ci siano delle pugnalate alla schiena”. E La pace tra i due gruppi potrebbe portare anche ad una bella sorpresa per tutti gli appassionati dei Naecc a Predore. “La Lega Bisse del lago di Garda – conclude Emanuele Ghirardelli – ci ha chiaramente detto che se presentiamo una sola imbarcazione in rappresentanza del Comune di Predore, ci consentiranno di iscriverci, un buon motivo in più per lasciare da parte le beghe di paese e creare una collaborazione duratura”.