LUDOPATIA/4 – BASSO SEBINO – Boom del gioco a Sarnico, Adrara, Predore e Gandosso. In testa Villongo e Credaro. Ogni residente del Basso Sebino gioca 1411 euro all’anno

488

Questa volta siamo nel Basso Sebino con i dati sul gioco d’azzardo, anche qui boom di soldi investiti e drastico calo delle macchinette a vantaggio del sommerso, cioè del non tracciabile, quello online che secondo gli esperti raccoglie milioni di euro e quindi i giocatori seriali sono in aumento e senza nemmeno doversi muovere da casa.

Nell’Ambito Territoriale di Monte Bronzone – Basso Sebino nel 2022 sono stati ‘investiti’ nel gioco d’azzardo (escluso il gioco on line) 37,02 milioni di euro, valori di raccolta in calo rispetto al periodo pre-pandemico (- 9,6% nel 2022 rispetto al 2019), ma con un incremento pari al 54,9% nel 2022 rispetto all’anno precedente.

Quattro Comuni hanno visto una crescita della raccolta (Gandosso + 31,3%, Predore +17,7%, seguiti da Sarnico e Adrara San Martino con percentuali di incremento inferiori). Nell’ultimo anno la quasi totalità dei 9 comuni (8 su 9) registra un incremento nei valori di raccolta rispetto all’anno precedente, ad eccezione di Vigolo che registra un calo del -30,4%.

La spesa media pro capite per ogni cittadino maggiorenne è di 1.411 euro.  Nel 2022 la raccolta derivante da giochi numerici e lotterie rappresenta il 22,0%, con valori in crescita (+14,9%) rispetto al 2019, ma in calo nell’ultimo anno (-5,1% nel 2022 rispetto al 2021).

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 1° DICEMBRE

pubblicità