PREDORE – Don Ivan: “Ho visto il paese dal lago, anche le case più nascoste erano addobbate. Gli anziani mi hanno chiesto di non dimenticarli, don Alessandro ha messo il cuore in questi anni”

1545

Don Ivan Dogana è arrivato a Predore cullato dalle acque del Lago d’Iseo, a bordo di una barca che gli ha mostrato la sua nuova parrocchia da una prospettiva diversa, per certi versi insolita.

È stata emozionante l’accoglienza che mi hanno preparato, è andata davvero oltre ogni aspettativa – commenta don Ivan -. In mezzo al lago ho visto i confini del paese, le montagne, il Santuario… e poi ci siamo avvicinati, ho sentito la musica della meravigliosa banda di Sarnico, ho visto i sindaci di Onore e Songavazzo che mi hanno accompagnato e con cui ho avuto una bella collaborazione in questi anni, i preti dell’Unità Pastorale di Rovetta e don Alessandro Beghini, vicario parrocchiale della Fraternità del Lago che ha presieduto la celebrazione d’ingresso e ci tenevo fosse lui, perché l’ho conosciuto nel 2000 quando ho prestato servizio all’oratorio in Sant’Anna in città e in quei due anni abbiamo costruito una bella amicizia…

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 6 OTTOBRE

pubblicità