Frana di Tavernola, dalla Regione 4 milioni e 810mila euro

115
Frana di Tavernola

Dalla Regione arrivano quasi 5 milioni per la frana di Tavernola

Novità per la frana di Tavernola. Con la Dgr (numero XI/7219/2022) la Regione Lombardia – assessorato al territorio e protezione civile – ha disposto il finanziamento di 4 milioni e 810mila Euro all’Autorità di Bacino Lacuale dei laghi Iseo, Endine e Moro, per gli interventi di mitigazione della frana del Monte Saresano, alle spalle di Tavernola Bergamasca. Il finanziamento è posto all’interno del Piano Lombardia, che indica gli “interventi urgenti e prioritari per la difesa del suolo”: il costo dell’intero progetto di messa in sicurezza dell’area è di 15 milioni di euro. “Ancora una volta – ha sottolineato Alessio Rinaldi, presidente di dell’Autorità di Bacino Lacuale dei Laghi Iseo, Endine e Moro – la Regione dimostra la vicinanza al nostro territorio, e soprattutto la volontà di procedere con questo importante progetto di tutela della zona minacciata dal movimento franoso”. “Questo finanziamento – ha continuato Rinaldi – è la prima di tre tranches. Le restanti saranno a carico dello stato, e saranno erogate nei prossimi due anni”.
Il team di esperti della società Georicerche Srl di Bolzano continua, nel frattempo, con gli
studi, le indagini e le analisi del terreno sul posto, per trarre dati necessari al
completamento del progetto definitivo esecutivo di messa in sicurezza della frana di Tavernola, affidato da Autorità di Bacino alla società Alpina Spa di Milano. “I dati – ha chiuso il presidente Rinaldi – verranno infine forniti ai ricercatori del Politecnico di Milano, per poi essere studiati, elaborati e presentati ad inizio 2023”.

Abbiamo parlato spesso della frana di Tavernola. Anche il sindaco di Parzanica Battista Cristinelli ne aveva parlato in un’intervista che vi lasciamo in questo link.

Vi lasciamo altri link da consultare per sapere di più sulla vincenda della frana.

Test sulle attività della miniera ‘Cà Bianca’

Ca’ Bianca “concausa” della frana

L’intervista al sindaco di Castelli Calepio: “Non chiamatela frana”

 

pubblicità