PARZANICA – TAVERNOLA – Il “grande vecchio” (solo 22 sindaci over 80 in Italia) Cristinelli: “Il progetto per la frana pronto a novembre. Riprende la produzione a Ca’ Bianca”

214

E’ uno dei 22 sindaci più vecchi d’Italia, over 80. Gli 80 anni li ha compiuti il 19 agosto. Battista Cristinelli guarda il lago dall’alto. E’ tornato al suo paese natale. Proprio “natale” letteralmente perché è dei tempi in cui si nasceva in paese. “Figurati che mia nonna è l’ostetrica del paese…”. Già, altri tempi. Cristinelli in realtà è arrivato al ruolo di amministratore in tarda età, vocazione tardiva, si direbbe in ambito religioso. “Sì perché è lavorato in Banca dal 1969 al 2003, avevo la tesoreria di vari Comuni, allora era la Banca Popolare di Bergamo e le tesorerie dei Comuni erano affidate alla Banca del territorio, adesso è di competenza dell’Agenzia delle Entrate. Ricordo di avere avuto la competenza delle tesorerie di Vertova, Clusone e poi Villongo. La prima esperienza che ho avuto come amministratore è stato l’assessorato esterno, due o tre anni, con il sindaco Benini. Era successo che avevo ereditato una cascina da mio padre e l’avevo ristrutturata e quindi tornavo al paese dove aver girovagato per tutta la provincia”.

Il papà che mestiere faceva? “Il falegname, prima all’Acquaiolo poi si è spostato a Vigolo”.  Cristinelli è sposato, ha una figlia che insegna lettere al Liceo Scientifico di Bergamo.

Poi ti candidi a sindaco e viene eletto nel 2001 e sta in carica dieci anni. “Avevo creato una squadra di giovani, era ora che Parzanica avesse sindaci del paese…”.  La legge che impediva il terzo mandato interrompe l’esperienza. Che riprende nel… 2020. Cristinelli riprende in mano il piccolo Comune là in alto, intorno a 360 abitanti, nel momento peggiore. Arriva il Covid ma soprattutto arriva la… frana. Parzanica è isolata. “Abbiamo realizzato in tempi record la strada del Col de Ru con l’intervento della Comunità Montana. Ancora oggi è la strada per andare a Vigolo visto che è interrotta dopo la frana la strada di collegamento. L’alternativa è prendere la bretella che è stata riaperta e risalire, ci sono negozianti che hanno necessità di andare a Vigolo, per il resto, una volta riaperta la strada per Tavernola non ci sono problemi”. Dall’altra parte con Fonteno nessun collegamento… “C’è un sentiero semi-abbandonato, sono passato nei giorni scorsi, ho visto una cascina diroccata, no, nessun collegamento”….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 26 AGOSTO

pubblicità