COLERE – LETTERA – Torna la banca (grazie alle 445 firme) e quella famosa tangenziale ferma a nord del paese…

246

Egregio direttore, finalmente, forse, dopo un anno e mezzo di attesa Colere riuscirà (?) a riavere una banca. La notizia, apparsa sulla stampa di questi giorni, pare possa portare un po’ di speranza a tutti coloro che da Colere devono subire il disagio – col pericolo, tra l’altro, di essere derubati dei contanti in possesso – di viaggiare per altri paesi della Valle di Scalve e/o Seriana, soprattutto imprenditori e commercianti per depositi bancari, nonché altre persone per vari servizi che una banca offre. Per risolvere questo problema si era costituito un apposito Comitato che si è visto respingere le 445 firme (75% dei voti avuti dal Sindaco per la sua elezione) raccolte in paese in cui si proponeva di accogliere la proposta avuta dalla Banca di Sondrio di aprire uno sportello in Colere. Il Consiglio Comunale con il Segretario avevano dichiarato la non fattibilità sul piano legale per accogliere la richiesta del Comitato. Il Sindaco pensava ad altre soluzioni tipo uno sportello postale… che però può essere solo un surrogato rispetto al servizio completo che offre una banca. Oggi pare che finalmente l’Amministrazione comunale guidata dal geom.Gabriele Bettineschi, si sia convinta ad accogliere le richieste del Comitato di cui sopra. Meglio tardi che mai. Fine della problematica banca finalmente a Colere? Speriamo, anche perché per ora siamo solo a metà strada. La Banca si è già attivata per trovare un locale in centro al paese, che ha trovato e sarà attrezzata allo scopo. E’ ancora al palo la speranza di far iniziare i lavori comunali finalizzati per favorire il miglior funzionamento degli impianti sciistici appena inaugurati, a cominciare dalla realizzazione della ormai famosa tangenziale/circonvallazione a nord del paese.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 5 GENNAIO

pubblicità