ALZANO – INTERVENTO – La “fontana dell’arroganza”

275

È stato avviato in questi giorni il rifacimento di Piazza Italia. Ci sono tanti elementi di perplessità: la gestione dei lavori con gli scavi già partiti, senza assegnare il bando del rifacimento; il trattamento dei commercianti in balìa di una Amministrazione che ha proceduto senza adeguate certezze di programmazione; lo svuotamento dei negozi che se ne vanno per sempre; l’abbandono di Via Fantoni a se stessa… Ma c’è un elemento più importante e grave da sottolineare: la totale esclusione dei cittadini dalle decisioni che riguardano una trasformazione fondamentale di Alzano. 

Quando ero consigliere di minoranza, Bertocchi ha mandato in Commissione un disegno provvisorio. Da allora di tempo ne ha avuto… C’è addirittura un nuovo assessore. 

Il 4 marzo il sindaco ha promesso: “Nei prossimi giorni saranno resi noti i dettagli”. Eppure nessuno ha più visto niente. Bertocchi gestisce la piazza come cosa sua! Spende un milione e non spiega neanche i criteri! Bertocchi è l’unico sindaco che fa la trasformazione più importante della città senza pubblicare un rendering (una presentazione grafica di come sarà la piazza).

Di solito si fa un concorso, si mostrano ai cittadini più progetti, si sceglie il migliore.  Le altre Amministrazioni spiegano le scelte. Fanno assemblee pubbliche. Qui si tiene tutto nelle stanze chiuse del potere. Non è stata attivata nessuna forma di partecipazione. Non c’è stato un evento pubblico….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 3 GIUGNO

pubblicità