ALTA VALLE – Un Presepio poco ‘natalizio’ e i 4 sindaci perdono la pazienza: l’infinito caos del dottor Natalino Presepio che ‘non si presenta nei quattro Comuni’

160

“Dì mia gat finchè nó l’è ‘ndól sac”, recita il saggio adagio dei nostri Vecchi che invita a non essere frettolosi. Avremmo forse dovuto ricordarcene anche noi, quando nell’ottobre scorso scrivevamo “Raggiunto finalmente un accordo per risolvere il problema dell’assenza di un medico di base: il dott. Presepio riprenderà servizio tra una ventina di giorni”. L’affermazione prendeva spunto dalla notizia dell’accordo  raggiunto nella riunione del 27 settembre scorso, alla presenza di un rappresentante di ATS, dei sindaci dei 4 Comuni e del dott. Luca Natalino Presepio,  secondo il quale, trascorso il tempo necessario perché le varie Giunte potessero approvare la relativa convenzione,  il servizio del dott. Presepio sarebbe ripreso in tutte le  quattro comunità dell’Alta Valle, così come quello della la sua segretaria presente a turno per due ore la settimana anche a Novazza, a Boario e a Lizzola per occuparsi delle  comunicazioni, delle ricette, delle prenotazioni, ecc…: I quattro sindaci di Gandellino, Gromo, Valbondione e Valgoglio, come ci aveva detto Flora Fiorina, avevano voluto dimostrare solidarietà alle varie frazioni, dal momento che invece a Gromo S. Marino e a Gandellino era già presente un medico tutti i giorni. Dunque, dopo il ritiro delle dimissioni da parte del dott. Presepio, sarebbe ripartito anche il servizio di segreteria, da parte di una segretaria fornita da una Cooperativa e retribuita dalla Cooperativa stessa e non direttamente dai Comuni.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 18 NOVEMBRE

pubblicità