VALGOGLIO – L’estate a Ca’ Rosèi di Novazza la “Bottega di Emmaus” delle ragazze disabili ucraine

220

Sono tornate a Novazza le ragazze ucraine disabili che allo scoppio delle guerra, scappando dal loro Paese, erano state accolte a Ca’ Rosei per approdare in seguito alla sede  centrale dell’associazione “Emmaus” a Milano:

“Abbiamo pensato che invece di restare a lavorare in città col gran caldo avrebbero potuto trascorrere qui l’estate. Il posto già lo conoscono e vi si trovano bene – commenta Anna Serena Pirolae del resto sappiamo tutti che non c’è accoglienza vera se non c’è per chi viene accolto la possibilità di lavorare e quindi di vedere riconosciuta la propria dignità”.

Ca’ Rosei è la casa vacanze che per prima nella nostra Valle aveva accolto persone fuggite dall’Ucraina. Per lo più ragazze e donne, alcune, appunto, con disabilità, che a Kharkov vivevano nella comunità Emmaus presieduta da Elena Mazzola, ragazze provenienti dai grandi orfanatrofi retaggio dell’URSS, dove del resto ci sono ancora tantissimi  orfani, disabili e portatori di  lievi problemi mentali, persone destinate a trascorrevi tutta la vita in mancanza di parenti e di alternative.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 7 LUGLIO

pubblicità