BOSSICO – Volano gli stracci tra Pro Loco e Amministrazione e gli amministratori… fanno colletta: “E ora fate quello che avete promesso”

380

Non chiamatela guerra dei poveri. Che a Bossico di poveri, almeno sul fronte turistico, lì davvero tutto è una meraviglia, non ce ne sono. Ma è comunque uno scontro, di quelli dove a rimetterci è sempre il paese. Pro Loco vs amministrazione comunale. Succedere raramente. Ma qui succede. Probabilmente ruggini personali ci hanno messo del loro. Ma tant’è. Da una parte il presidente della Pro Loco Marcello Barcellini (ex sindaco per 10 anni e nel suo mandato il vicesindaco era Marinella Cocchetti, poi sindaca di Bossico e ora vicesindaca con cui i rapporti sono ai minimi termini) e dall’altra appunto l’amministrazione comunale guidata da 9 anni da Daria Schiavi e con all’interno appunto anche Marinella Cocchetti. Il contenzioso è su…tutto. E ora gli stracci volano anche sui social dove le accuse si susseguono. In mezzo a tutto questo Bossico, da sempre terra turistica, appunto per la sua meravigliosa posizione geografica, si ritrova quasi interamente senza feste o manifestazioni. Insomma, a rimetterci è sempre il popolo e in questo caso anche i turisti. Che la ‘bega’ finisca sui social non è mai un buon segno ma tant’è, ormai tutti insultano i social ma nessuno si chiama fuori. La stagione turistica è, o almeno, dovrebbe essere nel suo clou, siamo a luglio ma qui più che badare alle feste si bada ad alzare i toni. Ricostruiamo quello che è successo. La Pro Loco Bossico se ne esce sui social con un post dove annuncia il ridimensionamento delle iniziative per ‘sopravvenute urgenze di bilancio’: “Nel corso del 2022 l’Amministrazione Comunale aveva promesso e deliberato un contributo di 3.000 euro a fronte dell’apertura ufficio turistico durante la stagione estiva 2022. In sede di consuntivazione ha ridotto di circa 800 euro tale contributo; nessuno si è posto il problema che , tagliare un contributo ad un’associazione di paese che sopravvive con le “briciole” , può poi creare problemi economici. Alla luce di tale fatto e per contenere i costi, siamo costretti a sospendere la stampa cartina dei sentieri e bloccare l’iniziativa di implementare Izi Travel (app che descrive percorsi e opere artistiche della chiesa e del territorio) con posa di qrcode fissi sui punti di interesse e copertura wifi della chiesa parrocchiale dove i telefoni non ricevono e Izi Travel non funziona (Quindi esiste una descrizione chiesa parrocchiale e opere d’arte che nessuno può ascoltare). Era previsto anche un tabellone informativo in P.za S. Pietro con percorsi Izi Travel del paese, la cui realizzazione è anch’essa sospesa. L’apertura ufficio turistico, non sappiamo ancora con quali modalità e orari sarà effettuata.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 7 LUGLIO

pubblicità