TORRE BOLDONE – Inaugurata la CER Imotorre. Con le elezioni Sessa dà l’addio al Consiglio comunale

78

La campagna elettorale di Torre Boldone è stata segnata anche stavolta da polemiche, veleni e colpi bassi. Non è una novità, perchè qualcosa di molto simile è già avvenuto in passato e tutto lascia supporre che, al di là del risultato elettorale, le polemiche continueranno anche nel prossimo quinquennio. Nelle strade, nei bar e sui social si è parlato di tutto: dal progetto del supermercato alla Comunità energetica, dall’asilo alla piscina, fino ad arrivare al ‘caso’ dei manifesti elettorali strappati o caduti. Non sono mancati gli attacchi personali, le insinuazioni, le offese.

La partita per conquistare la fascia tricolore è a quattro: Luca Macario, Simonetta Farnedi, Marta Albergoni e Alex Grazioli. I favoriti della vigilia sono i primi due: il sindaco uscente e l’ex vicesindaca. Hanno già battagliato tra loro negli ultimi cinque anni, lui dallo scranno di primo cittadino e lei dai banchi della minoranza.

ARTICOLO COMPLETO SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 7 GIUGNO

pubblicità