TAVERNOLA – MEMORIA – Mario Fenaroli, per i ragazzi “Mario veloce”

266

Mario Fenaroli, ci ha lasciati dopo una lunga malattia. Conosciutissimo a Tavernola e limitrofi, per via della sua professione. Era autista sui pullman di linea della Sab.

Una vita intera a condurre quegli autobus da Tavernola a Bergamo.

Gentile e sorridente le sue caratteristiche, mai una parola sbagliata, mai una manifestazione di collera, sempre concentrato su quella strada di certo non facile, visto l’intenso traffico.

Tutti volevano bene a Mario, giovani e adulti

Puntualmente arrivava, caricava e partiva in un clima allegro.

Occhi in strada e dietro le spalle a controllare che tutti i passeggeri viaggiassero bene.

Veloce e attento, tanto che per gli studenti era diventato Mario-veloce.

Appena lo vedevano arrivare, tanti ragazzini gioivano, perché erano certi di arrivare a casa in fretta.

Una vita in quella divisa blu incurante delle condizioni atmosferiche, che fosse bel tempo, che piovesse o nevicasse, lui era sempre positivo.

Una vita da autista con la responsabilità della gente che trasportava, fino ad arrivare alla pensione tanto desiderata per potersi dedicare alla moglie Simonetta e alla figlia Adanira.

Nemmeno il tempo di progettare che la salute cominciò a vacillare, fino ad arrivare al suo epilogo all’età di 61 anni dopo tanta sofferenza.

SUL NUMERO DI ARABERARA IN EDICOLA DAL 6 GENNAIO

pubblicità