REGIONE – IL RETROSCENA Come per 1 voto Bergamo e le sue valli persero 6 milioni di euro l’anno Sicuri che in Regione comanda la Lega?

41

 

(p.b.) Le deleghe alle Province che praticamente la Regione tiene in vita, così come fa con le Comunità Montane, nonostante questi due enti siano in fase terminale: le Province in attesa che passi la riforma costituzionale che le abolisce del tutto, sopravvivendo intanto per accanimento terapeutico, le Comunità Montane soppresse d’imperio dall’allora ministra Roberto Calderoli, tenute in vita e adesso rivitalizzate dall’ex ministro Roberto Maroni. Chi se ne frega, se c’è qualcosa di cui i cittadini non vogliono sapere nulla sono le riforme istituzionali. Perfino le annunciate o minacciate fusioni tra Comuni, che qualche decennio fa avrebbero sollevato un putiferio, oggi sono (negli annunci) ben accolte, purchè “facciano risparmiare sulle tasse”.

E così martedì 30 giugno il Consiglio Regionale ha varato una legge che, nel confermare alle Province praticamente tutte le deleghe (togliendo caccia e pesca, le deleghe che hanno fatto la fortuna politica, dalla metà anni 80 fino al 2000 e passa, ad es. di Valerio Bettoni)….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 10 LUGLIO

pubblicità