RANICA – MEMORIA – Giorgio Zanchi e la sua Dea

436

Se n’è andato il giorno prima della conquista, da parte della sua Atalanta, del primato in classifica. Capolista in solitaria. E lui, adesso la sua Dea la segue dal cielo.

Giorgio Zanchi adesso veglia dall’alto su chi amava, sui familiari e sull’adorato nipote, sugli amici.

Li guarda dall’alto e sorride.

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 9 SETTEMBRE

pubblicità