CASAZZA – Il ‘borsino’ preelettorale: sale Totis, minoranza incerta tra i due capigruppo (potrebbe spuntare un nome ‘super partes’)

196

Storiella preelettorale: ci sono un sindaco che potrebbe rinunciare al terzo mandato, un vicesindaco in rampa di lancio, un ex consigliere regionale, due capigruppo e un possibile nome ‘super partes’. Sembra la famosa barzelletta del genere: “Ci sono un italiano, un francese, un tedesco e uno spagnolo…”. In realtà stiamo parlando dello scenario preelettorale del Comune di Casazza.

Partiamo dal sindaco. Sergio Zappella, primo cittadino dal 2014, potrebbe ricandidarsi per un terzo mandato, ma sembra intenzionato a rinunciare, lasciando al suo gruppo di maggioranza, ‘Orizzonte Comune’, il compito di scegliere il suo successore. Al massimo, Zappella potrebbe decidere se rimanere in Consiglio comunale per continuare ad avere un ruolo amministrativo anche nel prossimo quinquennio.

Passiamo al vicesindaco. Come dichiarato da Renato Totis al nostro giornale nell’intervista del 22 settembre, “il sindaco c’è e spetta anche a lui decidere se ricandidarsi o meno”. In caso di probabile passo indietro dell’attuale primo cittadino, sarebbe proprio il suo vice a balzare in pole position nel gruppo di maggioranza. In paese molti danno per scontato che uno dei nomi stampati sulla scheda elettorale del prossimo giugno sarà proprio quello di Totis, che nel borsino preelettorale di Casazza sta costantemente crescendo.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 6 OTTOBRE

pubblicità