Pioggia di milioni per la Val di Scalve : dal comprensorio sciistico di Colere al Palazzetto di Schilpario, l’annuncio in Regione questa mattina

967

Regione Lombardia, attraverso una deliberazione proposta dall’assessore a Enti Locali, Montagna e Piccoli comuni, con delega alla Programmazione negoziata, aderisce alla proposta di “Patto Territoriale per la Val di Scalve Olimpiadi 2026” presentato dalla Comunità Montana di Scalve e metterà in campo risorse regionali per un totale di 6.889.049 euro. “Il Patto – spiega l’assessore regionale alla Montagna – è finalizzato alla realizzazione di cinque interventi infrastrutturali strategici per il territorio della Val di Scalve quali: l’efficientamento energetico e riconversione in ostello del Centro Civico del comune di Azzone; la progettazione, costruzione, manutenzione e gestione del Comprensorio Sciistico denominato “Colere 2200”; la riqualificazione del palazzetto dello sport a Schilpario in funzione dell’utilizzo quale pista permanente di pattinaggio e costruzione di una nuova centralina idroelettrica; l’adeguamento e miglioramento dell’offerta turistico-sportiva dell’esistente campo da calcio e costruzione di una nuova autorimessa interrata in comune di Vilminore di Scalve; l’acquisto e manutenzione straordinaria skilift esistente nel comune di Schilpario”. “Grazie alla sinergia con gli enti locali e gli operatori economici – conclude l’assessore alla Montagna – Regione continua ad investire importanti risorse a favore dello sviluppo di tutti quei territori interessati dalla presenza di comprensori sciistici, per dotarli di maggiori servizi e più di qualità. L’obiettivo è e resta quello di rendere la montagna lombarda più attrattiva tutto l’anno e invertire il trend dello spopolamento”.

Gli interventi per la realizzazione della proposta di Patto Territoriale della Val di Scalve ammontano complessivamente a 24.954.499 euro. Per l’’intervento di progettazione, costruzione, manutenzione e gestione del comprensorio sciistico “Colere 2200” è previsto da parte del comune di Colere l’affidamento in concessione, mediante Project financing, con un finanziamento stimato di 17.800.000 euro a carico del privato. Per gli ulteriori interventi previsti la Comunità Montana di Scalve concorre al cofinanziamento stanziando 265.449 euro. Regione Lombardia finanzierà la restante quota per un totale di 6.889.049 euro.

I soggetti interessati dal Patto Territoriale sono Regione Lombardia, la Comunità Montana di Scalve (capofila) e i Comuni di Azzone, Colere, Schilpario e Vilminore di Scalve.

 

 

pubblicità