Lovere Due anni dopo viene rifatta la stessa croce che uccise Marco Gusmini: 350.000 euro di bando ottenuti da 6000 campanili

133

Due anni dopo. Cinque persone a processo. Per quel tragico pomeriggio quando Marco Gusmini ha perso la vita schiacciato dalla croce di legno che reggeva il Cristo crocefisso, giusto alla vigilia della santificazione di Papa Giovanni XXIII e Papa Giovanni Paolo II. E proprio la statua era stata realizzata per la visita di Giovanni Paolo II a Brescia. Quel giorno Marco, animatore dell’oratorio di Lovere era in gita a Cevo, in Val Camonica, con il curato e i ragazzi dell’oratorio, croce che si è spezzata all’improvviso il 24 aprile 2014….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 8 APRILE

pubblicità