Lovere, la mostra di Sasha Torrisi celebra la TV italiana

138

POPvision70 si propone di raccontare in chiave pop la società italiana e i grandi cambiamenti avvenuti in Italia dal dopoguerra ad oggi. Un viaggio che parte dal 3 gennaio 1954 e si sviluppa attraverso avvenimenti importanti che hanno fatto la storia della televisione, come la prima pubblicità comparsa nel 1957 con Carosello, il primo grande evento mediatico mondiale – lo sbarco sulla Luna – e il ritratto di personaggi iconici come Raffaella Carrà e le gemelle Kessler, sino ai cartoon che hanno accompagnato l’infanzia dell’artista, dai Barbapapà a Goldrake.

POPvision70 non è solo una mostra sulla TV, ma una vera e propria esperienza che porta il visitatore a rivivere quegli anni e a ricordare i personaggi e i programmi televisivi più cari a moltissimi italiani.

“Milioni di italiani – spiega Torrisi – in questi 70 anni hanno viaggiato con quella scatola che si chiama tv, con le sue sigle, vera colonna sonora della vita di tutti noi, con i programmi, con i volti, con le pubblicità, sì, con tutto quel contenitore che diamo per scontato ma che, volenti o nolenti, ci ha preso per mano e condotto nei vari decenni, in varie epoche storiche. Le mie opere non sono solo immagini o icone scelte a caso. Sono opere pop, vivaci e apparentemente spensierate, ma con un significato più profondo: ad esempio, i colori della bandiera LGBTQ+ sullo sfondo di Lady Oscar rappresentano la prima icona gay, mentre Wonder Woman con la fascetta della crocerossina simboleggia la parità dei sessi e vuole raccontare la donna con una sensibilità diversa”.

Il progetto nasce dall’idea di Sasha Torrisi di omaggiare i 70 anni della tv con un’esposizione di quadri pop da lui realizzati. Proposta subito accolta con entusiasmo dall’Amministrazione comunale, che l’ha sostenuta e inserita fra gli eventi clou della stagione estiva loverese. “Conoscevo Sasha – racconta Sara Raponi, l’ex Assessore di Lovere che, insieme a Torrisi, ha curato la mostra – in primis per essere stato il cantante dei Timoria ed è stato sorprendente vedere come l’anima dell’artista possa trasparire in ogni campo, in questo caso quello pittorico. Le sue opere sono piene di colore e vivacità e credo che sapranno trasmettere ai visitatori della mostra la stessa coinvolgente energia che lui sa trasmettere sul palco”.

Un’iniziativa – dichiara Claudia Taccolini, neosindaco di Lovere – che impreziosisce la proposta culturale della nostra Cittadina e che, siamo sicuri, saprà riscontrare l’apprezzamento sia dei residenti che dei tanti turisti, italiani e stranieri, che sceglieranno Lovere quale meta del proprio soggiorno”.

L’allestimento si snoda tra numerosi dipinti fluo, oggetti cult e racconti della TV di quegli anni. Il percorso espositivo sarà reso ancora più suggestivo dalla possibilità di ammirare le opere in due modalità diverse: al naturale, o a luce Wood, che consentirà di evidenziare la speciale vernice fluorescente

utilizzata dall’artista. Il visitatore potrà vivere così un’esperienza nell’esperienza, puntando la luce della speciale torcia, fornita gratuitamente all’ingresso a tutti i visitatori, per scoprire una nuova versione delle opere, ancora più pop.

Special guest sarà “Television Sasha”, l’opera luminosa creata dal maestro della luce Marco Lodola appositamente per la mostra POPvision70 e ispirata al “Monoscopio” di Sasha Torrisi, che prende spunto a sua volta dall’immagine televisiva che tutti ricordano, utilizzata per verificare la qualità delle trasmissioni e settare i colori. Un profondo legame di amicizia e collaborazione, quello fra Sasha Torrisi e Marco Lodola, che nasce con la realizzazione da parte di quest’ultimo delle copertine di “1999” e “El Topo Grand Hotel”, due album di particolare successo per i Timoria. Un legame e dialogo fra artisti e opere che caratterizzerà l’estate di uno dei Borghi più belli d’Italia grazie alle iniziative “POPvision70” e “Lovere, il Borgo della luce… dove la TV si fa Pop Art” con la proiezione su oltre 10.000 metri quadri di edifici della cittadina con alcuni dei volti più noti del panorama televisivo italiano realizzati da Marco Lodola dedicati alla televisione italiana e un particolare omaggio a Raffaella Carrà e a Mike Bongiorno.

Una mostra e un progetto di illuminazione artistico-scenografico promossi dal Comune di Lovere e realizzati anche grazie al contributo concesso da Regione Lombardia nell’ambito del bando “OgniGiorno inLombardia” – seconda edizione e alla preziosa collaborazione dell’Accademia Tadini di Lovere.

L’INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA POPVISION70

 “Colori e Parole”, questo il titolo dell’evento inaugurale, si terrà mercoledì 24 luglio alle ore 18:30 nel giardino antistante l’Atelier (in caso di maltempo all’interno dell’Atelier stesso). Sarà un momento speciale durante il quale sarà possibile incontrare e conoscere meglio l’artista Sasha Torrisi, in dialogo con Filippo Cassarino di Radio Number One, media partner dell’evento.

PERIODO DI APERTURA DELLA MOSTRA

POPvision70, allestita presso l’Atelier del Tadini (ingresso sul retro di Palazzo Tadini, Via Giorgio Oprandi, 23), sarà visitabile sino all’8 settembre 2024 da martedì a giovedì dalle 17 alle 20, sabato e domenica dalle 17 alle 22. Nelle due settimane centrali di agosto l’apertura sarà dalle 17 alle 22, così da consentire ai visitatori di vedere sia le proiezioni che la mostra. Ingresso gratuito.

LE INIZIATIVE COLLATERALI AL “BORGO DELLA LUCE”

Dal 26 al 28 luglio, nel primo weekend di apertura della mostra, in Piazza Tredici Martiri si terrà la tappa bergamasca di “Borgo diVino in Tour”, la rassegna gastronomica itinerante dei Borghi più Belli d’Italia dedicata ai migliori vini d’Italia, che metterà in vetrina più di 30 cantine locali e nazionali e darà l’opportunità di degustare una selezione di etichette locali come il Franciacorta DOCG, Valcalepio DOC, Terre dei Colleoni DOC, il Bergamasca IGT, insieme ad una selezione di etichette provenienti anche da altre regioni d’Italia. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito https://borgodivino.it/lovere.

Il 27 luglio presso la Basilica di Santa Maria in Valvendra andrà in scena “Una ballata per Chiara”, un evento dedicato alla patrona delle comunicazioni, Santa Chiara, con la partecipazione dell’attrice di Zelig Ippolita Baldini. Attraverso la leggerezza e la vivacità del suo stile comico-teatrale, la Baldini porterà i presenti in un viaggio divertente e commovente ispirato alla vita di Chiara d’Assisi. Questo spettacolo non è solo un ritratto della figura storica di Chiara, ma anche una riflessione sulle sue scelte spirituali e il suo impatto sulla storia. Ingresso libero.

Per maggiori informazioni sul progetto “Lovere, il Borgo della Luce” e su tutte le iniziative in programma è possibile seguire i profili social @lovereeventi su Facebook e Instagram e visitare il sito lovereeventi.it.

 

 

 

pubblicità