LA STORIA – CREDARO – Nello e Lisa e la gelateria ‘Biffi’, quel nome voluto da ‘Nibel’ e da quelle notti a Milano. Dal 1946 il gelato per passione

4239

Nello è al lavoro anche questa mattina, come tutte le mattine, latte fresco, tanta passione e quel gelato senza il quale non riuscirebbe a vivere. Nello Volpi e sua moglie Lisa sono i proprietari della gelateria ‘Biffi’ di Credaro, il punto di riferimento del gelato di tutta la zona. Una passione che dura dal 1947 quando qui c’era Annibale Paris, il papà di Lisa, Annibale che tutti chiamavano ‘Nibel’, e sua moglie Cesarina Vitali, i due avevano un bar che si chiamava ‘Sport’, ma i ragazzi di Credaro che nel week end andavano a Milano a fare i ‘vitelloni’ in galleria, quando tornavano in paese e vedevano il locale pieno di gente ripetevano ‘sembra di essere al Biffi’, già, al Biffi, il gotha della galleria Vittorio Emanuele di Milano, e allora perché no? Già, Nibel prese la palla al balzo e cambiò l’insegna. Da quel momento diventò ‘Il Biffi’ di Credaro. E già a quel tempo la specialità era il gelato, e Nibel riuscì a trasmettere questa passione al genero Nello Volpi, che si era sposato con sua figlia Lisa, sono loro due gli artefici della gelateria Biffi. “Tutti i giorni – racconta Nello mentre prepara il gelato – cambiamo gusti, 8 o 9 gusti nuovi ogni giorno, anche in base alla stagione, vogliamo accontentare i gusti di ogni cliente”. E qual è il gusto che va di più? “I classici vanno sempre anche se soprattutto con una clientela diciamo più su di età, e per i classici intendo fior di latte, stracciatella, nocciola, pistacchio, limone, fragola…I ragazzi più giovani hanno altri gusti, più moderni e freschi, dall’ ‘Ottocento’ al cheesecake, dall’uva al mandarino, ai cachi alla banana, gusti più freschi e poi naturalmente i gusti cambiano con i clienti, ognuno ha la sua passione”. Questo è un periodo calmo per il gelato: “Si’, novembre e sino ai primi di dicembre c’è calma, ma il gelato va ugualmente, certo, in estate ci si alimenta anche solo di gelato, ora diciamo che siamo al 20% delle vendite rispetto all’estate”…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 6 DICEMBRE   

pubblicità