Il Presidente Fontana incontra i sindaci del Lago

281

A Monte Isola, all’interno del tour aree interne il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana ha incontrato i sindaci e gli stakeholder dei territori bresciani e bergamaschi. Erano presenti anche gli assessori regionali Davide Caparini, Lara Magoni, Fabio Rolfi e Claudia Terzi, oltre al sottosegretario Gabriele Barucco.

“Regione Lombardia negli ultimi anni ha sostenuto concretamente il rilancio del Sebino – ha detto Fontana – e in concreto abbiamo investito 10 milioni di euro. Risorse che i Comuni hanno impiegato con interventi strategici e che hanno reso ancora più belli e attrattivi questi luoghi. Ulteriori fondi sono stati stanziati per promuovere e rilanciare le vocazioni dei territori inseriti nelle cosiddette ‘Aree Interne’. Obiettivo: rendere ogni zona della Lombardia in grado di competere come le altre in una logica di sistema che ha come visione la ‘Smartland’. Alla nostra attenzione ci sono anche aspetti di carattere, ambientale, sicurezza e mobilità, che non possiamo trascurare nell’ottica di uno sviluppo sostenibile”.

L’area oggetto della visita ha incluso 47 Comuni delle Comunità montane dei Laghi Bergamaschi (38 Comuni) e del Sebino Bresciano (9 Comuni) per un totale di circa 133.000 abitanti. Nel dettaglio i bergamaschi sono: Adrara San Martino, Adrara San Rocco, Berzo San Fermo, Bianzano, Borgo di Terzo, Bossico, Casazza, Castro, Cenate Sopra, Costa Volpino, Credaro, Endine Gaiano, Entratico, Fonteno, Foresto Sparso, Gandosso, Gaverina Terme, Grone, Lovere, Luzzana, Monasterolo del Castello, Parzanica, Pianico, Predore, Ranzanico, Riva di Solto, Rogno, Sarnico, Solto Collina, Sovere, Spinone al Lago, Tavernola Bergamasca, Trescore Balneario, Viadanica, Vigano San Martino, Vigolo, Villongo e Zandobbio.

Fontana e i rappresentanti della Giunta hanno fatto tappa a Tavernola Bergamasca, luogo in cui è sempre alta l’attenzione di Regione Lombardia. Già nel 2021 sono stati messi a disposizione 575.000 euro in relazione del fenomeno franoso che ha interessato i versanti del Monte Saresano. A questo si aggiunge il successivo finanziamento di 1,5 milioni di euro per la progettazione relativa alle opere di messa in sicurezza (progettazione che dovrebbe concludersi nei prossimi mesi).

Con l’appuntamento di ieri, mercoledì 28 settembre, il presidente Fontana è stato aggiornato sugli ultimi dati del monitoraggio effettuato attraverso il radar che costantemente sorveglia la parete. Il sistema di monitoraggio installato a Tavernola, controllato dal centro monitoraggio di Arpa Lombardia, utilizza mire ottiche a lettura automatica, estensimetri in foro, inclinometri, piezometri, postazioni GPS per la lettura 3D, un radar da terra e radar satellitari che permettono di verificare eventuali movimenti millimetrici anche all’esterno dell’area in frana. Il monitoraggio della frana, nel suo insieme, conferma un rallentamento degli spostamenti dal luglio dello scorso anno, con movimenti attualmente costanti e molto inferiori alle soglie di allertamento.

pubblicità