GORLAGO – LUZZANA – Matteo, vice allenatore azzurro, da Gorlago al tetto d’Europa con il volley Under17

801

C’è anche un pizzico di Bergamo nella vittoria europea dell’Under 17 del volley. Matteo Dall’Angelo, vice allenatore classe 1985, originario di Gorlago ma di casa a Luzzana con moglie e i due figli, è volato in Repubblica Ceca per vivere quest’avventura azzurra che è valsa un oro ricco di emozioni.

Non è mai semplice affrontare competizioni di questo tipo, ci sono tanti sacrifici e tanto lavoro, e quindi queste emozioni ripagano tutti gli sforzi fatti”, è il suo primo commento dopo la vittoria.

Lasciamo un attimo in stand-by il successo e riavvolgiamo il nastro per tornare a quella passione che a Matteo leggi nelle parole e che arriva da lontano, lui che il volley lo mastica fin da piccolo.

Ho iniziato a giocare a pallavolo quando ero un bambino nella squadra del mio paese e tutto era iniziato alle scuole elementari con un maestro argentino… giocavo a pallavolo mattina e pomeriggio con le attività extrascolastiche. Poi ho incontrato un allenatore, Mirco Belotti, che ho seguito molto ed è stato fondamentale. E devo dire che in quegli anni, tra il 1990 e il 1995, l’Italia aveva la generazione dei fenomeni e quindi è stato naturale seguire questo sport, anche in televisione. Squadra preferita? Seguivo un po’ di tutto, ma la domenica andavamo molto spesso a vedere Montichiari, anche per ragioni di distanza. Un giocatore a cui mi ispiravo? Samuele Papi”.

Matteo s’è fatto grande, ma la passione non è mai svanita… “Sono arrivati un po’ di risultati di titoli provinciali e regionali e qualche qualificazione alle fasi regionali… nel frattempo ho iniziato l’università e mi sono laureato in Scienze Motorie. In quel periodo ho continuato sia l’attività da allenatore che da giocatore. Ho giocato fino alla Serie C a Gorlago che a Seriate e qualche selezione provinciale, ma ho capito presto che la mia strada era quella dell’allenatore. Ho fatto qualche anno alla Foppapedretti nel settore giovanile, poi a Trescore con la Don Colleoni, la Serie B per sei anni, è arrivata la promozione dalla B2 alla B1 e per due anni consecutivi abbiamo disputato i playoff per andare in Serie A. Infine ho intrapreso un percorso che mi ha riportato sull’attività giovanile in una nuova società nata da tre anni, la Chorus Volley Bergamo, di cui sono direttore tecnico”. ..

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 5 AGOSTO

pubblicità