incendiari

    (p.b.) Come si diceva? Si nasce incendiari e si muore pompieri. Ma, perdinci, il detto era riferito all’impegno sociale

    , alla voglia di cambiare (in meglio) le cose, mica davvero a incendiare i boschi. Che poi magari qualcuno ha finito anche allora, a incendiare le auto, a spaccare le vetrine, addirittura ad ammazzare la gente. Ma incendiare i boschi no, perché uno se la prendeva col “potere”, insomma con i suoi simili, mica con madre natura. Adesso la leggerezza del vivere porta dei ragazzotti (?) a incendiare boschi per vedere l’effetto che fa e fa correre la gente, volontaria o meno, a tentare di tamponare i danni. Sarà che sono nell’età dei “pompieri”, ma gli incendi gratuiti non li sopporto. I bersagli qualificano perfino i cecchini, chi spara sui bambini e le donne, secondo la morale tradizionale, era solo un vigliacco, chi spara sul niente è solo un deficiente.