ECONOMIA – Realizzato a Chiuduno il casco di Ganna, record dell’Ora

135

Filippo Ganna, in sella alla sua bicicletta, ha scritto una nuova pagina del ciclismo battendo il record dell’Ora. L’atleta ha corso per un’ora intera in un velodromo da solo, o meglio, contro un unico avversario, sé stesso.
E significa pedalare per un’ora alla massima velocità possibile, uno sforzo che un ciclista riesce a preparare e ad affrontare due o tre volte al massimo nell’arco dell’intera carriera. Una sfida contro sé stessi che richiede uno sforzo fisico ma anche mentale, che Ganna ha superato alla grande.
I primi 40 giri – 10 chilometri – Ganna li percorre in 11 minuti e 623 millesimi, 3”682 più lento di Dan Bigham. Poi da lì inizia una fase di stallo con l’italiano che piazza una serie di giri a 16 secondi e poco più, come un metronomo. Al giro numero 58, quello che porta al parziale di 14 chilometri e mezzo percorsi, Ganna scende sotto i 16 secondi in 15”901 e inizia ad alzare il ritmo, oscillando al massimo di un decimo di secondo fra un giro e l’altro. La velocità media complessiva sale giro dopo giro e supera i 55 km/h al giro numero 61, dopo 15,5 chilometri percorsi in 16’54”299. Bigham è ancora davanti di quasi due secondi ma Ganna ormai sembra essersi messo in scia. Filippo Ganna conclude il 226° giro quando mancano ancora poco meno di 20 secondi allo scoccare dei 60 minuti. 59 minuti e 41 secondi per percorrere 56 chilometri e mezzo: è già oltre, gli ultimi venti secondi sono in più, un bonus che serve a incrementare ancora la distanza
percorsa. Quando suona la campana dell’ultimo giro mancano ancora 5 secondi e Ganna tira dritto, finché può continua a spingere sui pedali. Dopo un’ora esatta il conteggio si ferma: 56,792 chilometri.
SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 21 OTTOBRE

pubblicità