CREDARO – Adriana Bellini, la grande paura della meningite, l’unione del territorio e il futuro: “Ne usciamo più forti e ora….”

811

“Eccoci qui ormai verso la fine del tunnel della grande paura “Menincococco C”” Adriana Bellini, sindaca di Credaro, presidente Comunità Montana e Bim, ha vissuto settimane intense, anche troppo: “Giornate intense vissute in costante tensione da parte di tutte le istituzioni coinvolte (ATS – ASST – Sindaci ed amministratori comunali in genere) oltre che da medici di base, associazioni di volontariato e, non per ultimi, ma per primi, da tutti i residenti e lavoratori del Basso Sebino.

Di queste settimane vissute intensamente, tra riunioni, telefonate, messaggi, comunicati , organizzazione e gestione logistica degli ambulatori straordinari e continuo contatto informativo  e di gestione emotiva con la nostra gente, restano sicuramente molti temi su cui riflettere tra cui i principali possono essere così riassunti:

  • l’effetto psicologico, e conseguentemente comportamentale, che possono ingenerare nelle persone il panico ed il timore di essere in pericolo rispetto alla propria salute ed a quella dei propri cari;
  • l’immensa disponibilità, supportata da un grande senso civico, che i nostri volontari hanno dimostrato  anche in questa occasione mettendo anche loro in secondo piano impegni personali e famiglie;
  • la disponibilità di tutta la macchina istituzionale sanitaria e delle forze di polizia nel dare il meglio di sé con competenza ed impegno vista la particolarità della situazione;”

Rimane però anche un lavoro di squadra che ha dimostrato che uniti si può fare molto: “Sì – continua Bellini – tema forte da cui prendere spunto per il proseguo del lavoro amministrativo dei Sindaci rimarrà sicuramente la valutazione di quanta forza ci abbia dato il “lavoro di squadra”…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 24 GENNAIO

 

pubblicità