Castione, il Sindaco dichiara guerra ad Ats: “Ordino di ripristinare la Cad entro 48 ore”

341

Il sindaco di Castione, Angelo Migliorati, ha deciso di reagire duramente al fatto che sia stata ignorata la mozione regionale che invitava Ats a rimettere in funzione almeno la Cad per l’emergenza dovuta alla mancanza di medici condotti.

pubblicità

Ecco allora l’ordinanza:

“CONSIDERATO che:
• dal 1 gennaio 2022 sono cessati due medici di medicina generale (MMG) su tre presenti sul territorio comunale;
• l’assenza di due medici ha privato circa 2600 cittadini su 3400 residenti, dell’assistenza medica di base e, di fatto, dell’accesso al sistema sanitario nazionale;
CONSIDERATO che:
• nel gennaio 2022 ATS Bergamo ha attivato una CAD (continuità assistenziale diurna) per fornire assistenza alle persone prive del medico di medicina generale;
• la CAD ha cessato di funzionare il 30 giugno 2022 rendendo nuovamente privi di assistenza sanitaria e di accesso al servizio sanitario nazionale ca. 2600 cittadini;
VISTO che:
• di recente, ovvero dal 1 luglio 2022, ATS Bergamo ha attivato una forma di assistenza che costringe i cittadini ad affrontare un viaggio, per il rilascio di una semplice ricetta medica, di 80 km con un tempo di percorrenza e di attesa in ambulatorio di oltre due ore, con la conseguenza che i cittadini stessi rinunciano spesso a farsi visitare laddove un intervento medico, in molti casi, risulta necessario ed idoneo a evitare l’insorgenza di problematiche più gravi o addirittura il decesso;
• il Consiglio Regionale della Lombardia in data 12 luglio 2022 ha approvato all’unanimità una mozione in cui impegna la Giunta a riattivare le CAD nei territori carenti, preso atto della “situazione emergenziale relativa alla carenza dei medici di medicina generale”;
CONSIDERATO che:
• sono state inviate ad ATS Bergamo numerose telefonate di sollecito e lettere in cui si esprime la preoccupazione circa la problematica e si denuncia l’abbandono sanitario della popolazione;
• nonostante ciò, la grave problematica in questione non è stata in alcun modo risolta, così di residuare unicamente il potere di ordinanza sindacale di cui è espressione il presente provvedimento, non sussistendo altri strumenti alternativi in grado di porre rimedio all’emergenza in corso;
VISTO che:
• è compito del Sindaco, come autorità sanitaria locale, rispondere ai bisogni motivati dei cittadini, soprattutto in caso di emergenze come quella in questione; in particolare ai cittadini fragili e allettati e impossibilitati a muoversi è di fatto negato il diritto costituzionale alla salute nonché quello a fruire dei livelli essenziali di assistenza, tra cui rientra, appunto l’assistenza sanitaria di base ai sensi dell’art. 4 del d.p.c.m. 12 gennaio 2017;
• nel periodo estivo, con particolare riferimento al mese di agosto, la popolazione aumenta considerevolmente sino a 35.000 abitanti, per via dei flussi turistici che da sempre caratterizzano l’economia locale, con significativo ed ulteriore accrescimento della necessità di assistenza sanitaria, soprattutto per quanto riguarda gli anziani;
VISTE le leggi in materia, tra cui l’art. 50, comma 5, del TUEL e l’art. 117 del d.lgs. n. 112 del 1998;
ORDINA
all’Azienda Sanitaria Territoriale di Bergamo (ATS), nelle figure degli organi competenti, di:
a) riattivare il servizio di continuità assistenziale diurna entro 48 ore dall’emissione della presente ordinanza nei locali messi a disposizione dal Comune di Castione della Presolana;
b) di organizzare il servizio predetto per un minimo di sei ore al giorno dal lunedi al venerdi;
c) di assicurare la continuità del servizio predetto sino a quando i medici di medicina generale cessati siano sostituiti con medici titolari.
Si trasmette, per conoscenza, la presente ordinanza a:
S. Ecc. il Prefetto di Bergamo
Presidenza della Regione Lombardia
Assessorato al Welfare di Regione Lombardia”.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 5 AGOSTO TUTTI GLI APPROFONDIMENTI E I RETROSCENA

pubblicità