Castelli Calepio Si chiude il cerchio: firma con la Curia per la cessione del Teatro, 1.100.000 euro. Nuovo Polo scolastico e si sposta il Municipio nella piazza. Partono i lavori alla prima bretella per la variante della SP91. E un grosso parcheggio nel

38

Si chiude il cerchio. E si aprono i lavori. Tanti. Giovanni Benini non sta fermo. Neanche a parlarne. E così dopo averlo annunciato sui numeri precedenti si chiude la questione acquisto del teatro e dello stabile annesso dalla parrocchia per 1.100.000 euro. Una trattativa che andava avanti da mesi, adesso l’atto finale con la firma, Curia e Comune hanno raggiunto l’accordo: “Un affare per tutti e due – spiega il sindaco Benini – e adesso si cambia tutto. Sistemeremo il teatro e lo renderemo fruibile a tutti, e stiamo predisponendo un progetto allargato per le scuole, realizzeremo un grande auditorium, e diventerà l’auditorium delle scuole per il paese. E andremo ad unire le scuole Elementari a quelle Medie in questo nuovo spazio e finiti i lavori sposteremo il Comune dove ci sono adesso le scuole, in piazza”.

Insomma un polo scolastico nuovo, e i soldi? “Ci sono moltissimi finanziamenti per le scuole, riusciremo ad avere i contributi”. E cominciano i lavori anche nella zona dell’area mercato di Tagliuno: “Andiamo a riqualificare l’area ex Tamburello vuota da tanto tempo – continua Benini – realizzando un grande parcheggio e stiamo valutando l’ipotesi di un mercato bis, insomma, più spazio alle bancarelle, si parte subito”…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 6 MAGGIO

pubblicità