CASTELLI CALEPIO – Il ricordo di Francesca Donati: “Sul volto commosso del cielo”

1220

“Sdraiata davanti a nubi fragili.

Sul volto commosso del cielo

l’orma del vento

smarrisce

il sorriso del sole.

Eri quella che dorme in fondo

alle primavere

sotto le foglie mai spente del sogno.

Ti indovinavo già da tempo,

nella freschezza di una passeggiata

nell’aria buona dei grandi libri

o nella debolezza di un silenzio.

Eri la speranza delle grandi cose.

Eri la bellezza di ogni giorno.

Eri e sei la vita stessa.

Là, dove la vita è per sempre”.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 25 AGOSTO

pubblicità