Monasterolo del Castello – l’Innesto compra la casa del Pescatore

219

Diritto di prelazione esercitato, quindi la Casa del Pescatore rimane alla Cooperativa l’Innesto di Gaverina e tutto per ora sembra andare via liscio, ma c’è qualcosa di più. La campagna di ricapitalizzazione della cooperativa, assieme ai fondi raccolti dalle donazioni e al crowdfounding lanciato ad agosto potrebbe addirittura permettere al presidente Lodovico Patelli di riqualificare la struttura e creare nuovi spazi. Insomma in pochi giorni il miracolo di acquisire la Casa del Pescatore sembra essere riuscito, 865 mila euro raccolti nel giro di poche settimane. “Abbiamo consegnato il 20% del costo della struttura alla Provincia – spiega Lodovico Patelli – e quindi ora la Provincia stessa non può più tirarsi indietro. L’assemblea della cooperativa ha deciso all’unanimità di dare corpo e speranza a quanti ci hanno fatto sentire la loro voce perché la Casa del Pescatore resti un bene comune. Noi siamo una cooperativa che non vuole essere affiancata a qualche partito o rappresentante politico, siamo una cooperativa che lavora per il territorio.

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 25 AGOSTO

pubblicità