BOSSICO – Gianandrea, umile e presente, la tua casa sempre aperta per gli amici, la famiglia, il lavoro…

1059

Raccontare chi fosse Gianandrea in poche righe è un po’ difficile, per noi amici praticamente impossibile…Se cominciassimo a raccontare quello che abbiamo combinato non basterebbe l’intero giornale. Diciamo che sicuramente tante persone ricordano alcune delle nostre ‘imprese goliardiche’: tornei di caccia al tesoro, giochi intercomunali, gemellaggi a Meyriè, campionati del muratori o semplici tendate e serate in baita passate alla storia. Poi però si diventa grandi, la vita ti mette davanti nuove responsabilità e nuove difficoltà…

“Apprezzato per le sue qualità umane e professionali”

Nella quotidianità succedono fatti che ti danno il senso della precarietà del vivere. La sera del 12 aprile u.s. un grave lutto ha colpito la comunità di Bossico e la famiglia Schiavi, noti imprenditori edili dell’Altopiano, lasciando tutti sgomenti. Nella sua abitazione di Via sette colli, dopo un  giro in bicicletta e appena rientrato a casa, è morto improvvisamente per un malore  Gianandrea Schiavi, classe 1975. A nulla sono valsi l’intervento dei sanitari, l’elisoccorso, lunghi e estenuanti minuti per cercare di rianimarlo.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 19 APRILE

 

pubblicità