Alessia Pifferi capace di intendere e volere

169
alessia pifferi

Alessia Pifferi era capace di intendere e di volere. Lo ha stabilito la perizia psichiatrica firmata dallo psichiatra forense Elvezio Pirfo, depositata oggi e disposta dalla Corte d’Assise di Milano nel processo per omicidio volontario aggravato.

La 38enne ha lasciato morire di stenti la figlia Diana di meno di un anno e mezzo, abbandonandola da sola in casa per sei giorni a Milano nel luglio 2022.

Secondo la perizia Alessia Pifferi è “capace di partecipare coscientemente al processo” e “al momento dei fatti era capace di intendere e di volere”.

Il perito scrive anche che “al momento dei fatti ha tutelato i suoi desideri di donna rispetto ai doveri di accudimento materno verso la piccola Diana e ha anche adottato ‘un’intelligenza di condotta’ viste le motivazioni diverse delle proprie scelte date a persone diverse”. Secondo lo psichiatra la donna non ha “disturbi psichiatrici maggiori”, né “gravi disturbi di personalità”. Conclusioni in linea con quanto sostenuto dal pm di Milano Francesco De Tommasi e dal suo consulente. Alessia Pifferi rischia la condanna all’ergastolo.

Questi alcuni articoli relativi ad Alessia Pifferi e all’omicidio della piccola Diana nel luglio del 2022

LEFFE – Alessia Pifferi, la morte della piccola Diana e il quoziente intellettivo di sette anni: “Hanno lasciato una bambina in mano a un’altra bambina”

Leffe, omicidio della piccola Diana: indagate per favoreggiamento le psicologhe

LEFFE – “Hanno manipolato Alessia Pifferi per fornire una tesi difensiva”. Il Pm contro le psicologhe del carcere

LEFFE – Alessia Pifferi: “Pensavo che 2 biberon bastassero. Non sapevo nemmeno di essere incinta, pensavo a un’infiammazione del nervo sciatico…. non sgridatemi”

pubblicità