TRESCORE – Polizia locale e sicurezza, Danny non ci sta: “Le critiche della minoranza? Senti chi parla… è stata la loro Amministrazione a non aver fatto nulla”

131

Medici di base, mercato e, adesso, vigili e sicurezza. Il clima preelettorale si sta progressivamente scaldando a Trescore Balneario, i cui cittadini si recheranno alle urne fra soli cinque mesi. Col trascorrere delle settimane, infatti, il gruppo di minoranza ‘ConsensoCivico’ sta alzando il tiro contro l’Amministrazione guidata da Danny Benedetti, che però non ci sta, respinge le accuse e, anzi, parte al contrattacco.

Nulla di strano. Del resto, qualcosa di molto simile era già capitato, ma a parti invertite, cinque anni fa, durante la precedente campagna elettorale, quando Danny insidiava lo scranno occupato dall’allora sindaca Donatella Colombi. Dopo lunghi mesi di accese polemiche, lo sfidante era riuscito nel suo intento. Adesso, però, è il gruppo di cui fa parte l’ex prima cittadina a sparare bordate contro il centrodestra.

L’ultima critica in ordine di tempo riguarda proprio un tema che, solitamente, sta a cuore alle forze di centrodestra: la sicurezza.

Sull’ultimo numero di Araberara abbiamo infatti pubblicato un intervento della minoranza: “Polizia Locale e sicurezza, i botti (e le botte) della minoranza: ‘In questi cinque anni cosa è stato fatto?”.

I consiglieri di ‘ConsensoCivico’ hanno preso di mira la gestione della Polizia Locale in questi cinque anni. Il loro intervento si concludeva così: “La Polizia Locale continua a mantenersi sotto organico; il corpo, pur istituito, non conta ancora i sette agenti previsti e, per finire, l’ultimo concorso fatto si è rivelato addirittura inutile! Che cosa bolle in pentola che non ci viene raccontato? Quali i progetti in merito alla tanto millantata sicurezza?”.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 5 GENNAIO

pubblicità