SOVERE – L’IC Sovere: una scuola Senza Zaino ma con Testa, Cuore e Mani!

531

Le nostre scuole primarie e l’infanzia sono Scuole Senza Zaino, e hanno come riferimento tre valori: la responsabilità, per stimolare gli alunni ad essere protagonisti nell’apprendimento; l’ospitalità e la cura degli ambienti per una scuola bella e accogliente; la comunità, per fare esperienza di cittadinanza e sviluppare atteggiamenti di cooperazione, aiuto reciproco e solidarietà.

I materiali scolastici sono condivisi e gestiti assieme e la vita quotidiana in classe si basa su di un sistema di incarichi e di procedure elaborate dai bambini, sperimentando le soluzioni per stare assieme e risolvere i problemi. Le attività possono essere uniche o diversificate per gruppi con tempi, materiali o strategie diverse: gli strumenti didattici permettono di personalizzare i percorsi di apprendimento, assecondando i bisogni e i tempi di ciascuno per sviluppare l’autonomia. L’errore costituisce una risorsa, il compagno un aiuto sempre pronto e disponibile, mentre l’insegnante si fa osservatore e alleato di ciascuno per sostenerne le emozioni positive e il senso di autoefficacia.

Vogliamo bambini “ricercatori”, motivati, curiosi e creativi. Pronti a scoprire il mondo attraverso l’arte, la musica, l’intelligenza pratica e manuale, le scienze, le tecnologie e i nuovi linguaggi, la conversazione nelle lingue straniere. Al centro ci sono i libri per “sognare e per crescere”, che sono il cuore pulsante delle nostre scuole: la Biblioteca della Legalità fa ormai parte del sistema interprovinciale, con una collezione di storie profonde e coinvolgenti per affacciarsi sul mondo che ci circonda.

Questo modo di fare scuola rompe i confini dell’aula per disegnare un “paesaggio di apprendimento” in cui tutti gli spazi comuni diventano luoghi dell’accoglienza e dell’incontro, per stare bene e imparare dovunque, dentro e fuori la scuola, anche nelle aule all’aperto e a diretto contatto con la natura (come nel nostro grande orto con gli animali!).

SUL NUMERO DI ARABERARA IN EDICOLA DAL 6 GENNAIO

pubblicità