Gandino – LA STORIA – Renato Bonazzi da Gandino a Boutuverà città brasiliana di soli italiani, quasi tutti della valle. I Bosio i primi ad arrivare: storie e documenti inediti dall’altra parte del mondo: “Coltivavamo mais (non quello spinato). Mesi per ar

180

 

Renato Bonazzi. Da Gandino al Brasile. Per l’esattezza Boutuverà. Una cittadina popolata quasi interamente da italiani, molti della nostra zona, che qui sono arrivati un mucchio di anni fa. Renato Bonazzi è scomparso prematuramente alcuni anni fa ma qualcuno ha recuperato le sue ricerche e ce le ha fatte avere, documenti che parlano di Boutuverà e di un pezzo delle nostre valli che vive in Brasile. Addirittura tra i fogli anche la Messa in bergamasco, che veniva e viene ancora celebrata in alcune chiese di laggiù. Una storia che comincia due secoli fa. Nel 1876 quando il viaggio di attraversata dell’Atlantico era fatto in piccole navi a vela o a vapore. E il racconto dettagliato è di Renato che per anni ha raccolto documenti e testimonianze: “Erano navi senza conforto – racconta – né sicurezza. Molti emigranti non arrivarono mai all’arrivo”. Botuverà è un Comune con una popolazione di origine quasi interamente italiana. Una zona montuosa. “Per arrivare in Brasile ci volevano 30-40 giorni ma se la barca era a vela il viaggio durava anche più di 5 mesi….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 7 AGOSTO

pubblicità