PEIA – Il contributo della Corale liturgica alle celebrazioni della solennità del Patrono. La direttrice Cristina Belotti: “Cantare insieme dà gioia ed ha un grande potere educativo”

102

Alla solennità delle cerimonie religiose in occasione della festa del Patrono S. Antonio da Padova hanno contribuito in modo determinante  le esecuzioni della Corale locale diretta da Cristina Belotti. La musica  per lei è  una passione di famiglia. Di Semonte, è infatti nipote del Maestro Aquilino Belotti, indimenticabile fondatore e direttore della Corale di Gazzaniga, nonché figlia di Gianni, che dirige la Corale ‘S. Cecilia’ di Fiorano al Serio. Di questa passione  Cristina ha fatto anche la sua professione: insegna infatti all’Istituto ‘Sacra Famiglia’ di Martinengo, dove dal 2000 cura il Coro di Voci bianche e il Coro giovanile, secondo un progetto che riguarda sia gli alunni delle elementari che quelli delle medie e che si fonda sul grande potere educativo della musica. ‘Cantora’ ella stessa fin da ragazza nella compagine de ‘Li Cantori Harmonici’, è passata a dirigere il coro stesso da quando il direttore precedente, il M.° Fabio Fachinetti, ha lasciato per motivi di salute. Da due anni inoltre si occupa anche della preparazione e della direzione della Corale di Peia: “Una nuova avventura, per me, perché quella di Peia è essenzialmente una Corale liturgica al servizio della comunità, composta da una trentina di Cantori appartenenti ad ogni fascia di età. Vi ho trovato persone molto appassionate, aperte e disponibili, che cantano per la gioia di cantare ma sono molto attente anche alla tecnica ed all’apprendimento di nuovi repertori, ed un parroco, don Alberto, che alla musica tiene molto e ci accompagna nel nostro percorso musicale”. Il repertorio della Corale di Peia, tutto ovviamente di carattere sacro, spazia dal gregoriano a brani moderni, da composizioni a cappella del ‘500 e del ‘600 a musiche contemporanee..

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI 23 LUGLIO

pubblicità